L’orologio dei cani

LO SCORRERE DEL TEMPO NEI CANI.

Si pensa, ahi me, che i cani non seguono il nostro stesso scorrere del tempo, inteso come minuti e ore ed agisce per “abbinamento” cioè quando per esempio, il vicino di casa esce sempre alla stessa ora, questo sta a significare che è ora del pasto o della passeggiata o dell’arrivo del proprio amico umano.

Non è proprio così,  esiste il ritmo biologico o orologio biologico e i ritmi circadiani, il cui funzionamento è stato addirittura premiato con il Nobel per la medicina nel 2017. Assegnato a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash and Michael W. Young

I ritmi circadiani si verificano senza la necessità di alcun intervento esterno. Si sviluppano in rapporto al sonno o alla fame. Gli esperimenti realizzati hanno dimostrato che si ripetono in modo ciclico, rispettando intervalli regolari legati ai cambiamenti di luce e temperatura.

Uno degli studi più noti, perché descritto anche da una serie televisiva di Discovery Channel, è quello sul canto del gallo. Il gallo canta sempre, tutte le mattine, all’approssimarsi del sorgere del sole ma perchè? Si è pensato di chiudere un gallo all’interno di una stanza buia senza finestre per alcuni giorni  la reazione del gallo è stata quella di cantare ogni mattino all’approssimarsi del sorgere del sole come se fosse all’aperto.

il canto dei galli all’alba, infatti, non dipende dalla percezione di stimoli ambientali quali l’aumentare della luce, ma dall’orologio circadiano di questi pennuti, che è governato da precisi processi biochimici complessi al suo interno ( vedi Nobel 2017 ).

Quindi perché il cane che dovrebbe seguire l’abbinamento: vicino di casa va a lavorare è ora della passeggiata? Noi umani non seguiamo questi ritmi non perché non abbiamo l’orologio biologico o ritmi circadiani ma perché ci affidiamo alla tecnologia ( orologi, sveglie ) e non li prendiamo più in considerazione, diciamo pure che il nostro orologio biologico non spacca il minuto e la puntualità sembra sia una virtù 

Pensate proprietari di cani che affermano che a vertono il ritorno di un componente famigliare anche 1 ora prima del suo arrivo o i vostri che ogni mattina o quasi vi viengono a svegliare con una bella leccata sul viso, è sempre la stessa ora, 10 minuti più 10 minuti meno, ma non è così preciso come il vostro vicino che esce di casa esattamente alla stessa identica ora, se mai per il cane questo non è “abbinamento” ma una conferma che il suo orologio interno funziona o che non funziona bene a causa di un eccessivo uso di farmaci o di una nutrizione scorretta. 

Vota dal web